WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
OncologiaMedica.net

Cambiamento nella salute mentale dopo aver smesso di fumare


È stato studiato il cambiamento nella salute mentale dopo la cessazione dell'abitudine al fumo rispetto alla continuazione dell’abitudine al fumo.

È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi di studi osservazionali effettuati su adulti sottoposti a valutazione della salute mentale prima di smettere di fumare e almeno 6 settimane dopo la cessazione o al basale in popolazioni sane e cliniche.

Sono stati inclusi 26 studi che hanno valutato la salute mentale con questionari volti a misurare l'ansia, la depressione, l'ansia mista a depressione, la qualità psicologica della vita, le emozioni positive, e lo stress.
Sono stati misurati i punteggi di salute mentale al follow-up tra 7 settimane e 9 anni dopo il basale.

Ansia, depressione, ansia mista a depressione e stress sono significativamente diminuiti tra il basale e il follow-up nei pazienti che hanno smesso di fumare rispetto ai fumatori attuali: le differenze medie standardizzate sono state ansia -0.37; depressione -0.25; ansia mista a depressione -0.31; stress -0.27.

Sia la qualità psicologica della vita che le emozioni positive sono significativamente aumentate tra il basale e il follow-up nei soggetti che hanno smesso di fumare rispetto ai fumatori: 0.22 e 0.40, rispettivamente.

Non è stata rilevata alcuna evidenza che la dimensione dell'effetto differisca tra la popolazione generale e le popolazioni con disturbi fisici o psichiatrici.

In conclusione, smettere di fumare è associato alla riduzione di depressione, ansia e stress e al miglioramento dell'umore e della qualità di vita rispetto a continuare a fumare.
La dimensione dell’effetto sembra la stessa per i soggetti con disturbi psichiatrici e per quelli senza.
Le dimensioni dell’effetto sono uguali o superiori a quelle di un trattamento antidepressivo per i disturbi dell'umore e d'ansia. ( Xagena2014 )

Taylor G et al, BMJ 2014; 348: g1151

Psyche2014



Indietro