American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017

Fumo, cessazione del fumo e rischio di diabete mellito di tipo 2


Il fumo di sigaretta è un predittore noto di diabete mellito di tipo 2, ma gli effetti della cessazione del fumo sul rischio di diabete non sono noti.

Con uno studio prospettico di coorte, i ricercatori della Johns Hopkins University di Baltimora, negli Stati Uniti, hanno verificato l’ipotesi che la cessazione del fumo aumenti il rischio di diabete nel breve periodo, probabilmente a causa dell’aumento di peso legato alla cessazione.

Lo sudio ARIC ( Atherosclerosis Risk in Communities ) ha coinvolto 10.892 adulti di mezza età che inizialmente non soffrivano di diabete tra il 1987 e il 1989.

L’abitudine al fumo è stata valutata con un’intervista al basale e un successivo follow-up.

Il diabete incidente è stato accertato mediante test di glicemia a digiuno fino al 1998, e in base alla diagnosi del medico riferita dal paziente o in base all’uso di farmaci per il diabete fino al 2004.

Durante i 9 anni del periodo osservazionale, 1.254 adulti hanno sviluppato diabete mellito di tipo 2.

Rispetto agli adulti che non avevano mai fumato, l’hazard ratio ( HR ) aggiustato di diabete incidente nel più alto terzile di pacchetti-anno è stato pari a 1.42.

Nel primi 3 anni di follow-up, 380 adulti hanno smesso di fumare.

Dopo aggiustamento per età, razza, sesso, educazione, adiposità, attività fisica, livello lipidico, pressione sanguigna e Centro di studio ARIC, rispetto agli adulti che non avevano mai fumato, gli hazard ratio per il diabete tra gli ex-fumatori, quelli che avevano appena smesso e quelli che continuavano a fumare sono stati, rispettivamente, 1.22, 1.73 e 1.31.

Ulteriori aggiustamenti per cambiamento di peso e conta leucocitaria hanno attenuato questi rischi in modo sostanziale.

In una analisi dei rischi a lungo termine dopo la cessazione, il rischio più alto è stato osservato nei primi 3 anni ( HR=1.91 ) con successiva, graduale, diminuzione da 0 a 12 anni.

Un confondimento residuale è possibile nonostante aggiustamenti meticolosi per fattori di rischio noti per il diabete.

In conclusione, il fumo di sigaretta predice il diabete incidente di tipo 2, ma la cessazione del fumo porta a rischi più elevati nel breve periodo.
Per i fumatori a rischio di diabete, la cessazione del fumo dovrebbe essere associata a strategie per la prevenzione e la diagnosi precoce del diabete. ( Xagena2010 )

Yeh HC et al, Ann Intern Med 2010; 152: 10-17


Psyche2010 Endo2010


Indietro