WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
EPA 2017

Morte improvvisa associata all’uso di Cocaina


Uno studio ha esaminato una serie consecutiva di morti improvvise, focalizzando l’attenzione sulla diffusione, le caratteristiche tossicologiche, e le cause di morte nelle fatalità correlate all’uso di Cocaina.

Lo studio caso-controllo, prospettico, di autopsie forensi è stato effettuato nel periodo 2003-2006 presso l'Istituto di Medicina Legale, di Siviglia in Spagna, con una popolazione di riferimento di 1.875.462 di abitanti.

Durante il periodo di studio, 2.477 autopsie forensi sono state eseguite; 1.114 morti erano da cause naturali.
Un totale di 668 hanno soddisfatto i criteri di morte improvvisa e 21 ( tutti maschi, età media 34.6 anni ) erano correlate alla Cocaina ( 3.1% ).

La Cocaina è stata rilevata nel 67.1% dei campioni di sangue ( media 0.17 mg/L ) e nell’83% dei campioni di urina ( media 1.15 mg/L ).

L’uso concomitante di Etanolo è stato riscontrato nel 76% e il fumo di sigaretta nell’ 81%.

Le cause di morte improvvisa erano cardiovascolari nel 62%, cerebrovascolari nel 14%, delirio eccitatorio nel 14%, respiratorie e metaboliche nel 5% ciascuna.

L’ipertrofia ventricolare sinistra è stata osservata nel 57% dei casi, la malattia dei piccoli vasi nel 42.9%, la grave malattia aterosclerotica coronarica nel 28.6%, e la trombosi coronarica nel 14.3%.

Dall'inchiesta tossicologia sistematica è emerso che il 3.1% delle morti improvvise erano correlate alla Cocaina ed erano dovute principalmente a cause cardiovascolari o cerebrovascolari. L’ipertrofia ventricolare sinistra, la malattia dei piccoli vasi, e la prematura aterosclerosi coronarica, con o senza trombosi del lume, erano di frequente riscontro e possono spiegare l’ischemia del miocardio a rischio di arresto cardiaco nei tossicodipendenti che fanno uso di Cocaina. ( Xagena2010 )

Lucena J et al, Eur Heart J 2010; 31: 318-329


Cardio2010 Neuro2010 Psyche2010


Indietro