Cardiologia.net
Gastroenterologia.net
Mediexplorer

Rischio di morte durante e dopo il trattamento di sostituzione di oppioidi


Uno studio prospettico di coorte ha valutato l’effetto del trattamento di sostituzione degli oppioidi all’inizio e al termine del trattamento e in base alla durata del trattamento.

Sono stati inclusi nello studio i pazienti giunti nei Centri di cura primaria e con diagnosi di abuso di sostanze, ai quali è stato prescritto Metadone o Buprenorfina nel periodo 1990-2005.

In totale, 5.577 pazienti con 267.003 prescrizioni per trattamento di sostituzione di oppiodi sono stati seguiti ( 17.732 anni ) fino a 1 anno dopo la scadenza della loro ultima prescrizione, fino alla data di morte sopraggiunta prima di questo periodo o la data di trasferimento lontano dal Centro di cura primaria.

I tassi crudi di mortalità sono stati pari a 0.7 per 100 persone anno durante il trattamento di sostituzione degli oppioidi e a 1.3 per 100 persone anno fuori dal trattamento; i tassi standardizzati di mortalità sono stati 5.3 nel corso del trattamento e 10.9 fuori dal trattamento.

Gli uomini che utilizzavano oppioidi hanno mostrato un rischio di mortalità circa doppio rispetto alle donne ( rate ratio di mortalità 2.0 ).

Nelle prime 2 settimane di trattamento di sostituzione degli oppioidi il tasso crudo di mortalità è stato pari a 1.7 per 100 persone anno: 3.1 volte più alto ( dopo aggiustamento per sesso, gruppo di età, periodo temporale e comorbilità ) rispetto al tasso durante il resto del tempo fuori trattamento.

Il tasso crudo di mortalità è stato 4.8 per 100 persone anno nelle settimane 1-2 dopo l’interruzione del trattamento, 4.3 nelle settimane 3-4, e 0.95 durante il resto del tempo fuori dal trattamento: 9, 8 e 1.9 volte più alto del rischio basale di mortalità durante il trattamento.

Il trattamento di sostituzione degli oppioidi ha mostrato una possibilità superiore all’85% di ridurre la mortalità generale tra gli utilizzatori di oppioidi se la durata media del trattamento si avvicinava o superava i 12 mesi.

In conclusione, i medici e i pazienti dovrebbero prestare attenzione all’aumento del rischio di mortalità all’inizio del trattamento di sostituzione degli oppioidi e immediatamente dopo l’interruzione del trattamento.
Sono necessarie ulteriori ricerche per definire l’effetto della durata media del trattamento di sostituzione degli oppioidi sulla mortalità correlata al farmaco. ( Xagena2010 )

Cornish R et al, BMJ 2010; 341: c5475



Psyche2010 Farma2010


Indietro