Disturbo da uso di oppioidi
Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa

Associazione del trattamento con agonisti degli oppiacei con mortalità per qualsiasi causa e causa-specifica tra le persone con dipendenza da oppiacei


La mortalità tra le persone con dipendenza da oppiacei è superiore a quella della popolazione generale.
Il trattamento con agonisti degli oppiacei ( OAT ) risulta efficace per la dipendenza da oppiacei; tuttavia, non c'è ancora stata una revisione sistematica sulla relazione tra trattamento con agonisti degli oppiacei e cause specifiche di mortalità.

È stata stimata l'associazione del tempo di somministrazione del trattamento con agonisti degli oppiacei con la mortalità in una revisione sistematica e meta-analisi.
Sono stati inclusi studi osservazionali che hanno raccolto dati sulla mortalità per qualsiasi causa o causa-specifica tra le persone con dipendenza da oppiacei durante e non-durante la somministrazione della trattamento con agonisti degli oppiacei.
Sono stati inclusi anche studi clinici randomizzati.

Questa revisione sistematica e meta-analisi ha seguito le linee guida PRISMA ( Preferred Reporting Items for Systematic Review and Meta-analyses ).
Sono stati estratti i dati sullo studio, sui partecipanti e sulle caratteristiche del trattamento; sono stati calcolati anni-persona, mortalità per tutte le cause e mortalità per causa specifica.
I tassi grezzi di mortalità e i rate ratio ( RR ) sono stati raggruppati utilizzando meta-analisi a effetti casuali.

L’esito principale era la mortalità complessiva per tutte le cause e causa-specifica sia per setting che per caratteristiche dei partecipanti.
Il Metadone e la Buprenorfina sono stati valutati in modo specifico.

Sono stati analizzati 15 studi clinici randomizzati che hanno incluso 3.852 partecipanti e 36 studi di coorte primari che hanno incluso 749.634 partecipanti.
Tra gli studi di coorte, il tasso di mortalità per qualsiasi causa durante trattamento con agonisti degli oppiacei è stato più della metà del tasso osservato durante il tempo fuori dal trattamento ( RR, 0.47 ).

Questa associazione è stata costante indipendentemente dal sesso del paziente, dall'età, dalla posizione geografica, dallo stato del virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) e dell'epatite C ( HCV ) e dal fatto che i farmaci fossero stati assunti tramite iniezione.

Le associazioni non sono state diverse per il Metadone ( RR, 0.47 ) rispetto alla Buprenorfina ( RR, 0.34 ).
C'è stato un minore rischio di suicidio ( RR, 0.48 ), tumore ( RR, 0.72 ), mortalità correlata alla droga ( RR, 0.41 ), mortalità correlata all'alcol ( RR, 0.59 ) e mortalità cardiovascolare ( RR, 0.69 ) durante trattamento con agonisti degli oppiacei.

Nelle prime 4 settimane di trattamento con Metadone, i tassi di mortalità per qualsiasi causa e avvelenamento correlato al farmaco sono stati quasi il doppio dei tassi durante il resto del trattamento con agonisti degli oppiacei ( RR, 2.01 ) ma non per la Buprenorfina ( RR, 0.58 ).

La mortalità per qualsiasi causa è stata 6 volte superiore nelle 4 settimane dopo la cessazione del trattamento con agonisti degli oppiacei ( RR, 6.01 ), rimanendo il doppio del tasso per il resto del tempo senza ricevere trattamento con agonisti degli oppiacei ( RR, 1.81 ).

Il trattamento con agonisti degli oppiacei è stato associato a un minore rischio di mortalità durante la carcerazione ( RR, 0.06 ) e dopo il rilascio dal carcere ( RR, 0.09 ).

Questa revisione sistematica e meta-analisi ha rilevato che il trattamento con agonisti degli oppiacei è risultato correlato a più bassi tassi di mortalità.
Tuttavia, l'accesso al trattamento con agonisti degli oppiacei rimane limitato e la copertura di questo trattamento rimane bassa. ( Xagena2021 )

Santo Jr T et al, JAMA Psychiatry 2021; 78: 979-993

Psyche2021 Farma2021


Indietro