Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Cannabidiolo per il trattamento del disturbo da uso di Cannabis


Esiste una necessità clinica sostanziale e insoddisfatta per il trattamento farmacologico dei disturbi da uso di Cannabis.
Il Cannabidiolo potrebbe offrire un nuovo trattamento, ma non è chiaro quali dosi potrebbero essere efficaci o sicure. Pertanto, si è cercato di identificare dosi efficaci ed eliminare le dosi inefficaci in uno studio di fase 2a utilizzando un disegno bayesiano adattivo.

È stato condotto uno studio bayesiano di fase 2a, in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato e adattivo presso la Clinical Psychopharmacology Unit ( University College London, Londra, UK ).

È stato utilizzato un disegno adattivo basato su probabilità bayesiane di individuazione della dose per identificare dosi efficaci o inefficaci nelle fasi di analisi a priori intermedie e finali.
I partecipanti che soddisfacevano i criteri del disturbo da uso di Cannabis del DSM-5 sono stati assegnati in modo casuale nella prima fase dello studio a un trattamento di 4 settimane con tre diverse dosi di Cannabidiolo orale ( 200 mg, 400 mg o 800 mg ) o con placebo abbinato durante un tentativo di cessazione.

Tutti i partecipanti hanno ricevuto un breve intervento psicologico di colloquio motivazionale.
Per la seconda fase dello studio, i nuovi partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a placebo o a dosi ritenute efficaci nell'analisi ad interim.

L'obiettivo principale era identificare la dose più efficace di Cannabidiolo per ridurre il consumo di Cannabis.
Gli endpoint primari erano il più basso rapporto urinario 11-nor-9-carbossi-delta-9-tetraidrocannabinolo ( THC-COOH ) : creatinina, aumento dei giorni alla settimana con astinenza dalla Cannabis durante il trattamento, o entrambi, evidenziati dalle probabilità a posteriori che il Cannabidiolo sia migliore rispetto al placebo eccedendo per 0.90.
Tutte le analisi sono state effettuate in base all'intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 2014 e il 2015 ( prima fase ), 48 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al placebo ( n=12 ) e al cannabidiolo 200 mg ( n=12 ), 400 mg ( n=12 ) e 800 mg ( n=12 ).
All'analisi ad interim, il Cannabidiolo 200 mg è stato eliminato dallo studio come dose inefficace.

Tra il 2016 e il 2017 ( seconda fase ), la randomizzazione è continuata e sono stati assegnati altri 34 partecipanti a Cannabidiolo 400 mg ( n=12 ), Cannabidiolo 800 mg ( n=11 ) e placebo ( n=11 ).
All'analisi finale, il Cannabidiolo 400 mg e 800 mg ha superato i criteri dell'endpoint primario ( 0.9 ) per entrambi gli esiti primari.

Per il rapporto urinario THC-COOH:creatinina, la probabilità di essere la dose più efficace rispetto al placebo, dati i risultati osservati, è stata di 0.9995 per il Cannabidiolo 400 mg e 0.99965 per il Cannabidiolo 800 mg.

Per i giorni di astinenza dalla Cannabis, la probabilità di essere la dose più efficace rispetto al placebo, dati i risultati osservati, è stata di 0.9966 per il Cannabidiolo 400 mg e di 0.9247 per il Cannabidiolo 800 mg.

Rispetto al placebo, il Cannabidiolo 400 mg ha diminuito il rapporto THC-COOH:creatinina di −94.21 ng/ml, e ha aumentato l'astinenza dalla Cannabis di 0.48 giorni alla settimana.

Rispetto al placebo, il Cannabidiolo 800 mg ha ridotto il rapporto THC-COOH:creatinina di −72.0 ng/ml e ha aumentato l'astinenza dalla Cannabis di 0.27 giorni alla settimana.

Il Cannabidiolo è risultato ben tollerato, senza eventi avversi gravi registrati; 77 partecipanti su 82 ( 94% ) hanno completato il trattamento.

Nel primo studio clinico randomizzato sul Cannabidiolo per il disturbo da uso di Cannabis, il Cannabidiolo a 400 mg e 800 mg è risultato sicuro e più efficace del placebo nel ridurre l'uso di Cannabis. ( Xagena2020 )

Freeman TP et al, Lancet Psychiatry 2020; 7: 865-874

Psyche2020 Farma2020


Indietro