American Psychiatric annual meeting
GL Pharma
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017

Sviluppo dell'uso persistente di oppioidi dopo chirurgia cardiaca


L'abuso di oppioidi per la gestione del dolore acuto ha portato a un'epidemia da uso persistente di oppioidi.

È stata determinata la percentuale di pazienti naive-agli-oppioidi che sviluppano un uso persistente di oppioidi dopo chirurgia cardiaca, ed è stata esaminata l'associazione tra la quantità iniziale di oppioidi prescritta alla dimissione e la probabilità di sviluppare un nuovo uso persistente di oppioidi.

Uno studio di coorte retrospettivo ha utilizzato i dati di un database nazionale dal 2004 al 2016 e ha incluso 35.817 pazienti sottoposti a impianto di bypass aortocoronarico ( CABG ) ( 25.673, 71.7% ) e delle valvole cardiache ( 10.144, 28.3% ).
Tutti i pazienti erano naive-agli-oppioidi entro 180 giorni prima della procedura indice e avevano avuti una prescrizione di oppioidi entro 14 giorni dall'intervento.

È stata determinata la percentuale di pazienti naive-agli-oppioidi che hanno sviluppato un nuovo uso persistente di oppioidi entro 90-180 giorni dall'intervento.
Gli equivalenti di Morfina orale ( OME ) sono stati calcolati per la prima prescrizione di oppioidi dopo la dimissione.
È stata analizzata l'associazione tra gli equivalenti OME alla dimissione e la probabilità di sviluppare un uso persistente di oppioidi.

Dei 25.673 pazienti che sono stati sottoposti a procedura CABG, l'età media per quelli senza ( n=23.064 ) rispetto a quelli con ( n=2.609 ) uso persistente di oppioidi era di 62.9 anni rispetto a 61.6 anni, rispettivamente, e il numero di uomini era 18.758 ( 81.3% ) rispetto a 1.998 donne ( 76.6% ).

Dei 10.144 pazienti che hanno subito un intervento chirurgico alla valvola cardiaca, l'età media per quelli senza ( n=9.343 ) rispetto a quelli con ( n=821 ) uso persistente di oppioidi era rispettivamente di 63.2 ( 12.4 ) anni rispetto a 61.2 anni, e il numero di uomini era 6.378 ( 68.3% ) rispetto a 511 donne ( 62.2% ).

L'uso persistente di oppioidi è una preoccupazione sostanziale dopo la cardiochirurgia e si è verificato in 2.609 pazienti sottoposti a CABG ( 10.2% ) e in 821 pazienti sottoposti a chirurgia valvolare ( 8.1%; P=0.001 ).

La probabilità di sviluppare un uso persistente di oppioidi è risultata diminuita tra i soggetti sottoposti a intervento chirurgico alla valvola cardiaca ( odds ratio, OR=0.78; P minore di 0.001 ) e aumentata per i pazienti che erano donne; più giovani; con insufficienza cardiaca congestizia preoperatoria, malattia polmonare cronica, diabete mellito, insufficienza renale, dolore cronico e alcolismo; e quelli che assumevano benzodiazepine preoperatorie e miorilassanti ( donne: OR, 1.15; età più giovane: OR, 1.02; insufficienza cardiaca congestizia: OR, 1.17; malattia polmonare cronica: OR, 1.32; diabete: OR, 1.27; insufficienza renale: OR, 1.17; dolore cronico: OR, 2.71; alcolismo: OR, 1.56; benzodiazepine: OR, 1.71; miorilassanti: OR, 1.74; tutti P minore di 0.001 ).

Inoltre, si è scoperto che quando ai pazienti venivano prescritti più di circa 300 mg di equivalenti OME alla dimissione, avevano un rischio significativamente maggiore di nuovo uso persistente di oppioidi rispetto a prescrizioni inferiori di oppioidi.

Gli oppioidi sono ampiamente utilizzati dopo la chirurgia cardiotoracica e quasi 1 paziente su 10 continuerà a utilizzare oppioidi oltre 90 giorni dopo l'intervento.
Inoltre, gli equivalenti di Morfina orale prescritti a dosi più elevate alla dimissione sono risultati significativamente associati allo sviluppo di un uso persistente.
È necessario adottare protocolli per aumentare l'educazione dei pazienti e limitare le prescrizioni di oppioidi dopo la dimissione. ( Xagena2020 )

Brown CR et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 889-896

Psyche2020 Cardio2020 Chiru2020 Farma2020


Indietro